Manifestazion

La Ulf la se dà ju ntel mëte a jì trope scomenciadive per la jent.
Union Ladins Fodom

Sánta Maria Maiou 2021: recugnisciment a Adolf Vallazza e Antonietta Crepaz "Pecula".

Dople premio per la cultura sto ann en ocajion de S.Maria Maiou. A ciapé el recugnisciment da Comun e Union dei Ladins da Fodom l é sté el scultor Adolf Vallazza e la poetëssa Antonietta Crepaz. Na decijion che l'é juda fora dal "clichet" del premio, che volëva vedei onorei fodomi che s'a dé da fé daite da sua val. Sto ann enveze l'onoranza l'é juda a fodomi che no vif chilò, ma che con Fodom a tres tignù en liam. »Nte sto moment storich nos e duta la comunité fodoma on debujen de pié endavò via – a spieghé Denni Dorigo, diretor del Istitut Cesa de Jan che a moderé la manifestazion. »E no n é nia de meio che da la cultura, da noste reisc. Per chëst l é sté fat chisc doi inoms per el premio S.Maria maiou, come ejemple de tacament a sue reisc, al paisc da ulache i ven«. I recugniscimenc consignei da le mán del Caocomun Leandro Grones, da la prescidenta de l'union dei Ladins da Fodom Manuela Ladurner e de l'Union Generela di Ladins dla Dolomites Milva Mussner.

Antonietta Crepaz, la poetëssa de l'anima e de la semplizité.

Antonietta Crepaz »Pecula« l'é nasciuda nta Contrin da Tita Pecul e de Ana Tonia, doi persone salde e de cuor. Da suo pere e sua mere nfati, come dal nono Matia e da la nona Zia, l'à bù l muot de mparé a se njigné nte le situazion de la vita e a tò ite chi valour che fesc aperjié l bel de le picole robe. Che t'nsegna a giaude e a se sentì ric sebenche no se vive nte l'abondánz. De la semplizité, l'onesté e la pesc ntel cuor. Dut chëst senza che vegne mei pesté sot la dignité de la persona, tegnuda auta dal ejemple de jent sevia e de fede che l'à bù dintournvia. Na ëla come tánte de autre, che l'à cugnisciù polito l vive da Fodom nánter i agn '50 e '80 e che la se l à conservé daite con ncherscedum, ma ence co la smania de trasmëte suo savei e suoi sentimenc ai autri, mascima a chi che ven davò, ajache col temp trop l é mudé ntel paisc e nte la jent. Davò maridada, la vif n Ciadoure ulache l'à laoré per 40 agn nte ospedel. Chëst servije l i'à dé la sodisfazion de mëte a frut sua sensibilité per i autri e a chësta moda de se arichì ncora deplù. Per suo gusto de scrive, l'à metù mán davántvia a n cors de scritura creativa per talián e n pèr de agn fesc a n cors de grafia ladina nta Fodom. Col sosten de suo professor, l'à tout pert a plu concorsc de poejia per ladin e per talián che i l'à portada a le premiazion e vel' viade a vadagné. Con de autri nuof autori l'à publiché n liber de poejie per talián. Sun Col de Lana, da la comemorazion dei 100 agn da la pruma viera, co na sua poejia de chël che l'ava sentù da tosata, l'à fat vegnì i sgric e finamei braglé, tánt à parù de rivive chël che i ava passé chi puori saudei e nosta jent. En veia de S.Iaco, nte gliejia da La Plié, l'a liet ju i salmi traslatei per fodom m ntel recital metù a jì auna a suo professor Antonio Chiades e l musicist Carlo De Battista. En ocajion de S.Maria Maiou l é stada prejentada sua ultima publicazion, dada fora dal Istitut Cultural Ladin Cesa de Jan dal titol "Pán, prei e poejia". Na racolta de suoi ricordi, per talián, publichei su Le Nuove del Paisc e de sue poejie per fodom, sul vive da nzacan.

Adolf Vallazza, el »sciamán« del len vegle.

Vallazza, n inom de fameia che sona proprio fodom. Defati le reisc de sua fameia i é de Valacia. Dërt rica la sua produzion artistica: dessens, cuadri e sculture, chële de len souradut le desmostra suo gaist creatif. L len l é suo material preferì che I ciapa forme de fantajia e l descor, con chi che ie ciala, n lengaz scemple e universal. L len vegle, chël che nviade l eva douré per fè su le cese de la jent da mont, nte sue mán l se muda, l se ciaria de simboi, l descëda emozion. Tánt che da la critica l é sté definì el "sciamán" del len vegle. Adolf Vallazza l à dagnëra vivëst tra le noste mont, da chëste ultime l à tout idee e ispirazion per sue opere, cugnisciude soura dut l mond, e aperjiade da critizi d'ert a livel internazional. No podëva spò ester na meio luoga del Ciastel d'Andrac per mëte n vedrina n ejemple de sua èrt, nte la mostra d'envalgune sue sculture che sarà dalvierta fin ai 5 de setember. Vallazza a recordé che plù oute suo nono Celestino i a conté de Fodom, de coche i fodomi i eva cugniscus per jent enjignëola, scempla e onesta e del gaist spò de podei avei chëste reisc. A Adolf Vallazza el "»Premio Sánta Maria Maiou« per avei volù, a l'eté de 94 agn, tourné nta Fodom co la sua èrt, plëna de amour, pazienza e costanza, laour de na vita, per dé fora ai autri dut l meio de dël stëss. Propio secondo l piu senzier spirito ladin.
La festa.
El rest de la festa l é jù davòmán come da copion, co la S.Mëssa dita alalergia, acompagnada dal Coro de Gliejia S.Iaco, che come da tradizion l a fat cianté a sue ciantarine el »Giardino di rose«. Na S.Maria Maiou particolar per scior pleván don Dario Fontana, l'ultima da Degán. D'auton defati el lasciarà lerch a suo sucesor don Andrea Costantini. A fè da soeja le raprejentánze dei scizeri da Fodom, el Grop de Bal e la Bánda da Fodom che a endeletè duc con envalgune sonade. E pò le ële coi cësc e mac de ciof portei a benedì, tournade en bon numer. Dintournvia la ciërcia de speise fodome, la Lateria da Renac con suoi prodoc. La bela giornada l'a clamé adalerch na mucia de jent, ntra sciori, ma ence fameie de fodomi coi tosac. Senn che la festa ven sentuda encora come moment per se biné come comunité e per tignì su noste tradizion. L'organizazion disc en gran Diovelapaie a alpini e studafuoch per el serviscé da parchegé e a duc chi che a daidé prò.

Sánta Maria Maiou premia Adolf Vallazza e Antonietta Crepaz.

È andato quest'anno allo scultore Adolf Vallazza ed alla scrittrice e poetessa Antonietta Crepaz il prestigioso premio "Santa Maria Maiou", riconoscimento che da più di 40 anni viene conferito a persone o associazioni della vallata fodoma che si sono distinte nel campo della cultura o del sociale. La cerimonia, come da tradizione, si è tenuta durante la festa dei fiori, delle donne e del costume ladino, che si è svolta domenica scorsa a Plan Ciaruo, sulla Montagna del Cherz. A consegnare i premi il sindaco Leandro Grones, la presidente dell'Union dei Ladins da Fodom Manuela Ladurner e dell'Union Generela di Ladins dal Dolomites Milva Mussner. Adolf Vallazza, nato ad Ortisei nel 1924, ha radici fodome nel nonno Celestino, valente fabbro, emigrato in Val Gardena intorno al 1880. Adolf si dedica invece alla scultura. Ed è con il suo ciclo dei troni e dei totem in legno antico, cardine della sua produzione artistica, che si assicura il definitivo riconoscimento internazionale. All'età di 94 anni ha voluto ritornare e ritrovare le sue radici fodome con una mostra di alcune sue sculture, che non a caso si intitola "Ritorno a Fodom", aperta fino al 5 settembre al Castello di Andraz. Antonietta Crepaz "Pecula" è nata nella frazione di Contrin, ma vive a Pieve di Cadore, dove ha lavorato per 40 anni come infermiera dell'ospedale cittadino. Sotto la guida del professor Antonio Chiades ha coltivato la sua passione per la scrittura partecipando a vari concorsi per componimenti in prosa ed in poesia, sia in italiano che in ladino – fodom, ottenendo ottimi riconoscimenti. Come il secondo premio nell'ultima edizione del concorso nazionale di poesia per le lingue di minoranza "Mendranze en poejia". Per l'occasione è sata presentata anche la sua ultima pubblicazione, dal titolo "Pan, prei e poejia" ( Pane, prati e poesia ) edito dall'Istitut Cultural Ladin Cesa de Jan. Una raccolta dei suoi ricordi d'infanzia sulla vita e le tradizioni della vita contadina di un tempi e di alcune sue poesie in ladino fodom, pubblicati a puntate sul bollettino parrocchiale "Le Nuove del Paisc". Come da copione il resto della festa con la S.Messa alla quale hanno partecipato una folta rappresentanza di donne in costume ladino con mazzi e cesti di fiori da benedire durante la funzione, degli Schutzen, del Gruppo Folk Fodom e la Banda da Fodom che a suonato alcuni brani. A far da cornice gli immancabili assaggi di "tircle", "foie" e "crafons" e la Latteria di Renaz con i suoi prodotti.

  • Union di Ladins da Fodom
  • Union di Ladins da Fodom
  • Union di Ladins da Fodom
  • Union di Ladins da Fodom
  • Union di Ladins da Fodom
  • Union di Ladins da Fodom
  • Union di Ladins da Fodom
  • Union di Ladins da Fodom
  • Union di Ladins da Fodom
  • Union di Ladins da Fodom
  • Union di Ladins da Fodom
  • Union di Ladins da Fodom
Union Ladins Fodom
Union dei Ladins da Fodom
Cesa de la Cultura Fodoma
Via Pieve 78
32020 Livinallongo, Belluno
C.F. 80007360250
Union Generela di Ladins dla DolomitesUniun Ladins Val BadiaUnion di Ladins de GherdëinaUnion di Ladins de FasciaUnion de i Ladis de Anpezo
© Union Ladins Fodom
produced byQBUS srl